Stipendio. Cedolino visibile, domani accredito, polemiche contro NoiPA

Avevamo pubblicato l’avviso della visualizzazione del cedolino relativo allo stipendio di maggio 2017 nella giornata di oggi 22 maggio.

Purtroppo anche oggi il portale NoiPA ha avuto problemi di connessione e per qualche ora è stato irraggiungibile, creando ancora disagi in chi tentava di accedere alla pagina personale per controllare le informazioni relative allo stipendio.

La visualizzazione del cedolino è diventata infatti per i dipendenti della Pubblica Amministrazione un appuntamento importante, tanto più se precede di alcuni giorni l’accredito, che di regola avviene per i dipendenti del Ministero dell’Istruzione il 23…

Leggi tutto “Stipendio. Cedolino visibile, domani accredito, polemiche contro NoiPA”

Difficoltà emotive e sociali connesse ai dislessici

Nel lungo percorso che si intraprende dalle prime valutazioni, fino alla stesura della diagnosi di DSA e poi tutto il conseguente iter scolastico è essenziale tener conto del disagio psicologico e delle difficoltà emotive che accompagna e inficia maggiormente la già di per sé gravosa fatica nell’apprendimento che affrontano questi ragazzi.

Lo stress derivante dal non essere accettato, dal non sentirsi capito e amato va ad intaccare profondamente la sua autostima e la percezione che ha di sé stesso e delle proprie capacità, andando a minare anche quelle che sono le sue dinamiche di relazione sociale tra pari e con adulti…

Leggi tutto “Difficoltà emotive e sociali connesse ai dislessici”

Ezio Bosso e la musica «fin dall’asilo». «Obbligatorio a scuola Pierino e il lupo»

BOLOGNA – L’altro giorno a Parma Ezio Bosso ha presentato un suo libro, firmato con Guido Crainz e Ugo De Siervo, intitolato molto emblematicamente I miei primi 2 giugno (edizioni L’Io e il mondo di TJ) e dedicato ai bambini «per comprendere che quando si parla di musica si parla anche di libertà».
Maestro Bosso, la musica a scuola. Lei che idea si è fatto sulle polemiche contro il flauto e il suo insegnamento?
«Andrò forse controcorrente, ma io sono a favore del flautino, perché è uno strumento che tutti possono permettersi. E può diventare, proprio per questo motivo, una prima educazione al suono. L’unico problema è che se dovessi decidere io, farei iniziare lo studio alle elementari se non già all’asilo. Alle medie è già tardi»…

Leggi tutto “Ezio Bosso e la musica «fin dall’asilo». «Obbligatorio a scuola Pierino e il lupo»”

Cari studenti, sarà la scuola che desiderate

“Non riesco più a tollerare la distanza generazionale con gli studenti. C’è bisogno di docenti più giovani”. Questo è l’interessante commento che un’insegnante di lettere ha rivolto alla Ministra Fedeli durante la recente intervista radiofonica andata in onda su Radio 1. Docente di lungo corso (oltre trentacinque anni di insegnamento), la signora Maria, ha proposto uno spunto di riflessione tutt’altro che banale. Si è fatta portavoce di un malessere e di un senso di inadeguatezza che oggi moltissimi insegnanti stanno vivendo nelle nostre scuole. Soprattutto coloro che hanno sempre cercato di svolgere il proprio mestiere con passione, motivazione e onestà…

Leggi tutto “Cari studenti, sarà la scuola che desiderate”

Il coding a scuola, quali benefici per gli studenti?

Il coding entra sempre di più nelle aule scolastiche italiane, a dimostrazione che la didattica ha compreso l’importanza di questo strumento.

Inoltre, lo stesso Ministero ha più volte sottolineato l’importanza del coding a scuola, incoraggiando la diffusione in tutto il territorio nazionale.

Ma cos’è il coding? Nel linguaggio informatico, si intende la stesura di un programma, cioè una sequenza di istruzioni eseguite da un calcolatore.
Ma il concetto di coding è strettamente connesso a quello di pensiero computazionale, che altro non è che un approccio inedito ai problemi e alla loro soluzione…

Leggi tutto “Il coding a scuola, quali benefici per gli studenti?”

Vaccini, approvato il decreto sull’obbligo fin da nidi e materne

ROMA – Non passa al Consiglio dei ministri l’obbligo delle vaccinazioni per l’iscrizione a elementari, medie e primi due anni di superiori. Il Governo non ha seguito tutta la linea del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, e sposa un parte quella di Valeria Fedeli, responsabile del Miur. L’obbligatorietà ci sarà ma soltanto per asili nido e scuole materne, cioè per i bambini da 0 a 6 anni. Per le scuole dell’obbligo, invece, la mancata vaccinazione porterà a una sanzione pecuniaria nei confronti dei genitori, come chiesto da Fedeli e criticato da più parti nel mondo della sanità (ad esempio dalle società scientifiche)…

Leggi tutto “Vaccini, approvato il decreto sull’obbligo fin da nidi e materne”

Sarcedo. Anna e la sindrome di down. I suoi compagni di classe le “insegnano” ad essere autonoma

I giornali anche a scadenza giornaliera, raccontano di storie di ordinaria emarginazione di persone con disabilità. Bambini che non sanno cosa vuol dire integrazione,  perchè si imbattono in insegnanti e compagni di scuola che non hanno voglia di entrare in contatto con la disabilità. Che non vanno in gita e non hanno le opportunità che invece, per i normodotati sono un diritto.

A Sarcedo invece, grazie alla sensibilità e alla professionalità di chi crede “nel sostegno” come ruolo educativo per soggetti  diversamente abili e non solo, Anna,  con sindrome di Down, frequenta la prima media a Sarcedo ed i suoi compagni hanno imparato a considerare il suo handicap come motivo di crescita e di educazione…

Leggi tutto “Sarcedo. Anna e la sindrome di down. I suoi compagni di classe le “insegnano” ad essere autonoma”

L’alternanza scuola lavoro è un mezzo flop: tra studenti parcheggiati e prof lasciati soli

«Lo avevo detto al professore che così non andava. Ma mi ha risposto che non c’erano altre scelte». Per la sua alternanza scuola-lavoro, Oriana è finita a fare le fotocopie negli uffici comunali di Campobasso. La sua scuola, il liceo Pertini, l’ha poi spedita a Roma per tre ore di lezione in Banca d’Italia: «Ho speso 100 euro per il soggiorno e non ho imparato niente».

Francesco invece ha diciassette anni e sa come creare nano-tubi di carbonio partendo dal grafene e come rilevare i raggi cosmici. Lo ha imparato all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Roma, dove è stato mandato dal suo liceo scientifico, il Luigi Siciliani di Catanzaro. «Non mi sono sentito un emigrante, anche se ho dovuto pagare il soggiorno…

Leggi tutto “L’alternanza scuola lavoro è un mezzo flop: tra studenti parcheggiati e prof lasciati soli”

Invalsi, nelle aule uno sberleffo che fa danni

Ieri pomeriggio ho corretto le prove Invalsi con i miei colleghi, tra l’altro di ragazzi che non sono miei alunni. Non un’attività particolarmente gratificante data la meccanicità dell’operazione, ma eravamo coinvolti tutti e organizzati molto bene, a coppie e con un sistema di turni efficace, così è stato sufficiente lavorare un’ora e mezza condendo il tutto di sano umorismo scolastico. Di contro ho saputo di colleghi che si sono rifiutati di correggere le prove o hanno spinto i ragazzi a boicottarle, come testimoniano sui social le foto di prove con improperi, disegni o amenità consimili. Ho provato rabbia e tristezza.

Siamo d’accordo sul fatto che questo tipo di prove non siano la maniera migliore di valutare il livello degli apprendimenti, ma sono test recenti e senz’altro migliorabili, normalmente somministrati ai ragazzi nelle scuole europee (dove però le valutazioni sono spesso affidate a personale addetto e non ai docenti, proprio per evitare interpretazioni sommarie o compiacenti)…

Leggi tutto “Invalsi, nelle aule uno sberleffo che fa danni”

Riforma sostegno, collaboratori scolastici faranno assistenza e saranno scelti in base al sesso dell’alunno

Sarà il genere degli studenti a determinare quali collaboratori scolastici dovranno occuparsi degli alunni diversamente abili.

Si occuperanno di accoglienza, sorveglianza, vigilanza, compresa l’ordinaria vigilanza e l’assistenza durante il pasto nelle mense scolastiche. Gli ATA saranno di ausilio materiale agli alunni portatori di handicap nell’accesso dalle aree esterne alle strutture scolastiche, all’interno e nell’uscita da esse, nonché nell’uso dei servizi igienici e nella cura dell’igiene personale anche con riferimento alle attività previste dall’art. 47 (incarichi specifici per le attività di assistenza igienica e personale)…

Leggi tutto “Riforma sostegno, collaboratori scolastici faranno assistenza e saranno scelti in base al sesso dell’alunno”

Pagina 1 di 4712345...102030...Ultima »