Esibire le pagelle non è la dimostrazione pubblica del successo educativo dei genitori

“Filippo, massimo dei voti in pagella e ovviamente promosso! Sei il migliore della classe. Orgoglio di mamma”. Filippo, nome di fantasia, è solo uno dei figli-protagonisti dei post che tanti genitori hanno pubblicato su Facebook in concomitanza con la fine dell’anno scolastico e la pubblicazione delle pagelle.

Toni trionfalistici e soprattutto autocelebrativi, quelli utilizzati da madri e padri che hanno deciso di vivere così questa esperienza, facendo prevalere l’orgoglio del più bravo, del migliore. Il fenomeno – molto diffuso – della pubblicazione delle pagelle scolastiche sulla Rete reca con sé numerosi interrogativi e zone d’ombra che caratterizzano oggi la sfera della genitorialità.

Dietro la volontà di rendere pubbliche e condivisibili le pagelle con voti brillanti si nascondono, infatti, vari fattori che meritano una riflessione. A iniziare dal fatto che spesso dietro questi post si nasconde l’insicurezza di chi oggi ricopre il ruolo di genitore…

Leggi tutto “Esibire le pagelle non è la dimostrazione pubblica del successo educativo dei genitori”

.

Simpatia, flessibilità e coscienza di sé per i docenti più efficaci

“Lei avrebbe meritato ventisette, ventotto. Le ho dato trenta perché ho applicato il coefficiente di simpatia. A volte, quando qualcuno mi è antipatico, tolgo anche due, tre punti. Non c’è niente di peggio dell’antipatia. Sentire, invece, la sofferenza, il pathos, nel senso greco del termine, è una grande qualità per un medico.” Sono le parole dell’anziano professore ad un giovanissimo Luigi Lo Cascio nel film La Meglio Gioventù di Marco Tullio Giordana.  Ma essere simpatici serve solo nel mondo medico o è anche una qualità che rende efficaci i professori nella scuola? Se è così, allora chiediamoci quanto siano stati penalizzati gli studenti che si sono formati con insegnanti antipatici.

La meglio gioventù

Il film è ambientato alla fine degli anni ’60. In quegli anni, in pochi sapevano cosa fosse l’empatia, termine oggi fin troppo abusato e spesso confuso con la simpatia. La scoperta dei neuroni specchio era distante ancora un trentennio circa ma il concetto dell’anziano (e antipatico) professore è abbastanza chiaro. Oggi avrebbe parlato, probabilmente, di empatia. Esattamente come se ne parla nella scuola, quando si incoraggiano i comportamenti di comprensione di studenti esuberanti verso quelli più indifesi…

Leggi tutto “Simpatia, flessibilità e coscienza di sé per i docenti più efficaci”

Io sto con i bocciati

Nei giorni scorsi, di prima mattina, due miei ex alunni mi hanno chiamato per annunciarmi che erano stati promossi, nonostante fossero consapevoli delle loro difficoltà. Grandi! Ce l’hanno fatta. Ma poi sono andato a vedere il tabellone davanti alla scuola media…..E sono diventato triste, molto triste a vedere quel “NON AMMESSO” accanto a tanti nomi, persino vicino a chi pensava di essere arrivato al termine del percorso.

Mi son tornate in mente le parole di don Lorenzo Milani: “Se si perde loro la scuola non è più scuola. E’ un ospedale che cura i sani e respinge i malati. Diventa uno strumento di differenziazione sempre più irrimediabile”…

Leggi tutto “Io sto con i bocciati”

Eraldo Affinati: «Un elogio del ripetente»

C’è un’opera umana da compiere, scriveva Teilhard de Chardin. Ed è con questa citazione che si apriva La città dei ragazzi (Mondadori, 2008), lungo viaggio condotto da Eraldo Affinati alle radici di un’infanzia strappata alle sue origini.

Un tuo libro del 2013 ha un titolo che potrebbe apparire provocatorio, Elogio del ripetente (Mondadori, 2013). Perché questo messaggio in controtendenza rispetto alla linea generale che vuole individui adatti o perfettamente adattabili a prestazioni medie e standardizzate che spesso scambiamo per “eccellenza”?
Questa riflessione sul “ripetente” nasce dalla mia esperienza biografica. Io insegno a ragazzi ritenuti “difficili” che arrivano all’istituto professionale come se fosse l’ultima spiaggia. Questi miei studenti spesso sono già stati bocciati all’istituto tecnico o al liceo. Sono, in altri termini, ragazzi “difficili”. Eppure, proprio loro ti fanno capire quanto sia profonda e diffusa una crisi etica generale, di cui la scuola raccoglie cocci e conseguenze. Il “ripetente” diventa, così, un frammento che la società vorrebbe allontanare da sé, ma che in realtà illumina e spiega molte cose di quella medesima società. I ragazzi “difficili”, i “ripetenti” sono quasi dei “frantumi” di questo Paese. Frantumi che cadono in basso e che a noi tocca raccogliere…

Leggi tutto “Eraldo Affinati: «Un elogio del ripetente»”

Affinati: Il papa a Barbiana, un sogno che si avvera

Chi lo avrebbe immaginato quel 26 giugno di 50 anni fa che un giorno un papa sarebbe salito tra le poche case di Barbiana per rendere omaggio a don Lorenzo Milani? Oggi quella cosa del tutto inimmaginabile invece diventa realtà, grazie anche al fatto che il papa venuto dall’altro mondo si ritiene quasi allievo adottivo del priore. È un suo accanito lettore conoscitore, ma più ancora ammira e si dice molto colpito dalla sua fede. La giornata di papa Francesco prevede anche una tappa sulle tracce di un altro grande prete che si portava addosso “l’odor delle pecore”: don Primo Mazzolari. A Bozzolo di prima mattina pregherà sulla sua tomba. Poi di nuovo in volo per arrivare a Barbiana. Che valore ha una visita come questa? Lo abbiamo chiesto ad Eraldo Affinati, scrittore, insegnante, autore di un libro a metà tra la testimonianza e la biografia sul priore: Don Milani l’uomo del futuro

Leggi tutto “Affinati: Il papa a Barbiana, un sogno che si avvera”

Tra i banchi delle nuove scuole che seguono le tracce di don Milani

Ho deciso di festeggiare i 50 anni della pubblicazione di Lettera a una professoressa andando a visitare alcune scuole. Scuole, a volte soltanto virtuali, dove si fa ciò che sarebbe piaciuto al burbero priore di Barbiana: scuole un po’ strane, né pubbliche né private, scuole senza voti né bocciature, dove s’insegna a tutti, ricchi e poveri, italiani e immigrati, non “un ospedale che cura i sani e rifiuta i malati, per usare le famose parole di don Milani.

Scuole dove chiunque ha lo stesso diritto all’eccellenza, proprio perché s’insegna là dove sembra impossibile farlo: si fanno corsi di scrittura creativa a ragazzi che non hanno mai letto un libro, s’insegna italiano a migranti che sono spesso analfabeti nella loro lingua madre, s’insegna filosofia ai bambini delle elementari. Ma chi sono oggi i ragazzi di Barbiana? Non è facile rispondere. Sono gli immigrati? I ragazzi delle periferie? I carcerati?…

Leggi tutto “Tra i banchi delle nuove scuole che seguono le tracce di don Milani”

“Software decrepito, procedure misteriose: troppi dubbi sull’algoritmo che ha spostato i prof”

Righe di programma mancanti, informazioni carenti che potrebbero nascondere “un’operazione di oscuramento attuata dagli sviluppatori per motivi ignoti”, più linguaggi di programmazione per lo stesso algoritmo e in parte obsoleti, programmatori incerti, confusi e forse inesperti. Condotta del ministero “poco trasparente” e, soprattutto, “somme erogate per la realizzazione dell’algoritmo fuori mercato”. Resta avvolta nel mistero la procedura che due anni fa spedì in giro per l’Italia 87mila docenti assunti con la Buona scuola. Neppure quattro analisti, docenti e ricercatori universitari, sono riusciti nell’intento di scoprire cosa, ma soprattutto, quanto non ha funzionato il famigerato algoritmo che ha gestito le quattro fasi del Piano straordinario di immissioni previste dalla legge 107…

Leggi tutto ““Software decrepito, procedure misteriose: troppi dubbi sull’algoritmo che ha spostato i prof””

Giorni di pagelle. I figli non sono voti

I figli non sono voti. Niente di più vero. Eppure dentro ai voti qualcuno ce li infila. A testa in giù. Li schiaccia in uno schermo e li fa diventare numeri. Giorni di pagelle elettroniche e scrutini. Ore di attesa e agitazione. L’uscita dei risultati è una catena di Sant’Antonio perfettamente riuscita. Nella speranza che giustizia sia stata fatta, che qualcuno sia sulla stessa barca, morto e sepolto dalla scuola. Oppure in salvo.

Parecchi di noi, e per noi intendo i genitori, si stanno tormentando per l’anno perso. Una rimandatura, due, se non tre. Le invalsi. Le prove d’esame. Un cinque che poteva essere sei, e così via.

Ci sentiamo pessimi e ci chiediamo cosa potevamo fare di più. Dove abbiamo sbagliato. Niente. Proprio niente. Ve lo dico io anche se non sono un Profeta…

Leggi tutto “Giorni di pagelle. I figli non sono voti”

I ragazzi e i social: caro Crepet la colpa non è di noi insegnanti

Gli adolescenti e i social. Un rapporto complicato. Secondo uno studio curato dalla Polizia Postale e dall’Università La Sapienza di Roma, con la collaborazione del dipartimento della Giustizia minorile, che ha coinvolto 1874 ragazzi tra gli 11 e i 19 anni, il 28,2% di scuola media e il 71,8% delle superiori, di 20 province italiane, oltre un terzo dei ragazzi è convinto che i contenuti postati sui social siano visibili esclusivamente dai destinatari.
“I dati non mi meravigliano affatto, anzi…”, commenta con l’Agi lo psichiatra Paolo Crepet, convinto che, se i ragazzi non conoscono i social e i rischi di questi strumenti la colpa è della scuola che non lo insegna. “Questo è il vero problema. Io non capisco perché non se ne parli nelle scuole. Non è mica il diavolo”…

Leggi tutto “I ragazzi e i social: caro Crepet la colpa non è di noi insegnanti”

Imperia. IPSIA. Studente dislessico e disgrafico non ammesso alla maturità. La famiglia: “carenze della scuola, faremo ricorso”. La preside: “bocciato perchè…”/il caso

“Mio fratello affetto da lieve ritardo mentale, dislessia e disgrafia, non è stato ammesso all’esame per colpa dell’incompetenza della scuola“. È questa la denuncia di una famiglia imperiese che, con grande amarezza e stupore, venerdì scorso si è sentita comunicare la bocciatura del ragazzo (per il quale verrà mantenuto l’anonimato per motivi di privacy).

Lo studente, 20enne, quest’anno ha frequentato la classe quinta delle scuole superiori all’Istituto IPSIA G. Marconi in via Gibelli. Secondo la legge 170/2010, a causa dei disturbi di cui soffre, il giovane avrebbe dovuto seguire il PDP (Programma Didattico Personalizzato). Secondo i famigliari del giovane, fino all’anno scorso il programma è stato rispettato, mentre durante la quinta ci sarebbero stati numerosi problemi, per questo motivo sono pronti a fare ricorso al TAR Liguria per contestare la non ammissione alla maturità…

Leggi tutto “Imperia. IPSIA. Studente dislessico e disgrafico non ammesso alla maturità. La famiglia: “carenze della scuola, faremo ricorso”. La preside: “bocciato perchè…”/il caso”

ANNUS STERCORIS

Se gli scorsi anni scolastici erano horribilis, beh, che dire di questo, se non che è stato di merda?

Lo schifo chiamato Buona Scuola, trascinatosi per un paio d’anni è finalmente giunto a compimento, come tutte le schifezze che ci sbrighiamo a gettare nella spazzatura, con la differenza che di questa non ci possiamo proprio disfare, e anzi ce la dobbiamo godere, come la pappa che ingoiavamo disgustati da piccolini.

I poveri gonzi che speravano in qualche ripensamento, un aggiustamento, ora potranno contemplare quest’opera d’arte in tutto il suo splendore.

Ora finalmente tutti capiranno cosa sono gli Ambiti Territoriali, i contratti a termine, la Chiamata Diretta, i requisiti per poter essere scelti, ma, badate bene, con l’assenso beffa dei colleghi minchioni, i campioni delle mani alzate ad oltranza, durante gli edificanti Collegi Docenti…

Leggi tutto “ANNUS STERCORIS”

Scuola, Invalsi 2017 terza media: soluzioni, griglie correzioni e domande matematica e italiano

Oggi, giovedì 15 giugno 2017, si sono concluse le Prove Invalsi per l’Esame di Terza Media 2017. Molti ragazzi saranno curiosi di controllare le soluzioni alle domande del Test Invalsi 2017 di matematica e di italiano e iniziare a calcolare il proprio voto grazie alle griglie di correzione. I commenti, così come sono stati riportati da Scuolazoo.com, sono stati, come al solito, abbastanza discordanti: c’è chi ha parlato di prove Invalsi umanamente impossibili, c’è chi invece ritiene che non siano state così difficili…

Leggi tutto “Scuola, Invalsi 2017 terza media: soluzioni, griglie correzioni e domande matematica e italiano”

“Lavora sui tuoi punti deboli perché diventino punti di forza”. I compiti estivi della maestra Susj

“Lavora sui tuoi punti deboli perché diventino punti di forza. Gioca con mamma e papà alla gara dei verbi e pratica molto sport all’aria aperta”. Sono i compiti delle vacanze della maestra Susj Brotto, 49 anni, per i suoi alunni di quarta elementare dell’istituto Peyron – Re Umberto I di Torino. “I libri degli esercizi sono freddi e noiosi”, spiega ad HuffPost. “E sono un peso, tanto che spesso restano intonsi fino a fine agosto”.

Per questo Susj ha deciso di assegnare dei compiti alternativi ai suoi studenti. Non solo per l’estate ma anche durante l’intero anno scolastico. Una pratica che si ispira a una pedagogia differente, attenta “ai bisogni dei bambini di oggi, e più costruttiva”. Perché la scuola, dice, “non è fatta solo di voti, compiti e verifiche ma prima di tutto di relazioni”. Per questo “coinvolgerli e attirare la loro attenzione è fondamentale”…

Leggi tutto ““Lavora sui tuoi punti deboli perché diventino punti di forza”. I compiti estivi della maestra Susj”

Ciò che (non) sappiamo. Lo stretto crinale del rapporto insegnanti-ragazzi

Scene di ordinaria tensione scolastica: un’interrogazione, un brutto voto, il disappunto di uno studente che fatica ad accettare l’esito negativo della prova. Solo che questa volta lo studente si alza e con una frase perentoria («Professore, io esco»), non una richiesta, lascia l’aula sbattendo la porta.

Non posso fare a meno di sanzionare il comportamento con una nota disciplinare sul registro. Dieci minuti dopo il ragazzo rientra, si siede al suo posto e mi accorgo che ha pianto. Gli comunico la nota, facendogli presente la scorrettezza di un comportamento che giudico inaccettabile. Lui, per parte sua, lo riconosce, ma nel frattempo ho capito che la sua reazione sbagliata era il segno di una sofferenza, di una fragilità…

Leggi tutto “Ciò che (non) sappiamo. Lo stretto crinale del rapporto insegnanti-ragazzi”

I giovani non conoscono i rischi dei social. Crepet: colpa della scuola, i docenti ignorano il fenomeno

Gli adolescenti e i social. Un rapporto complicato. Secondo uno studio curato dalla Polizia Postale e dall’Università La Sapienza di Roma, con la collaborazione del dipartimento della Giustizia minorile, che ha coinvolto 1874 ragazzi tra gli 11 e i 19 anni, il 28,2% di scuola media e il 71,8% delle superiori, di 20 province italiane, oltre un terzo dei ragazzi è convinto che i contenuti postati sui social siano visibili esclusivamente dai destinatari.

“I dati non mi meravigliano affatto, anzi…”, commenta con l’Agi lo psichiatra Paolo Crepet, convinto che, se i ragazzi non conoscono i social e i rischi di questi strumenti la colpa è della scuola che non lo insegna. “Questo è il vero problema. Io non capisco perché non se ne parli nelle scuole. Non è mica il diavolo”…

Leggi tutto “I giovani non conoscono i rischi dei social. Crepet: colpa della scuola, i docenti ignorano il fenomeno”

Pagina 10 di 44« Prima...89101112...203040...Ultima »