Svezia, una scuola senza pareti per pensieri senza limiti

http://www.eticamente.net/wp-content/uploads/2016/09/vittra.jpg

Il sistema scolastico svedese prevede che i bambini inizino le elementari a 7 anni, e che imparino a leggere, scrivere e contare con lentezza, seguendo i propri tempi, attraverso attività didattiche basate sul gioco e con l’uso di materiali vari, dall’esplorazione della natura ai supporti multimediali. Nei primi anni, non vengono assegnati compiti a casa e il carico di lavoro cresce progressivamente, in modo che i piccoli non si sentano mai sovraccaricati, ma imparino guidati dalla curiosità, con entusiasmo e leggerezza…

Leggi tutto “Svezia, una scuola senza pareti per pensieri senza limiti”

Istanze OnLine: cambio password per scadenza. Ecco come fare

Risultati immagini per istanze online

Occhio alla password in scadenza sul portale Istanze OnLine. In questi giorni alcuni utenti, collegandosi al sito, si sono accorti che è comparso un avviso relativo alla scadenza della propria password. Invitiamo quindi tutti gli utenti iscritti al sito Istanze OnLine, ad accedere in home page e ad effettuare il login. In questo modo potrete verificare se è necessario aggiornare la vostra password. Tale indicazione vi verrà fornita in modo chiaro nel momento in cui andrete a cliccare sulla voce “accedi”. Per effettuare il login vi verrà chiesto di inserire username e password. Tutti quanti sono quindi sollecitati a controllare che le proprie credenziali per accedere al portale istanze online siano attive o meno…

Leggi tutto “Istanze OnLine: cambio password per scadenza. Ecco come fare”

I dislessici vanno tutelati non solo a scuola ma anche sul lavoro

I dislessici vanno tutelati non solo a scuola ma anche sul lavoro

La Fondazione Italiana Dislessia ha presentato ieri una proposta di legge alla Camera per l’inserimento professionale e sociale delle persone con disturbi specifici di apprendimento. Denominata “Disposizioni per favorire l’inserimento lavorativo e sociale di persone con disturbi specifici di apprendimento, ai sensi della legge 8 ottobre 2010 n. 170”, la proposta, a firma dell’On. Coccia e dell’On. Damiano, mira, come dichiarato nel comunicato stampa, a colmare alcune lacune della L. 170/2010. Che offre, sì, un buon quadro di riferimento per gli anni della scuola, ma risulta carente per il mondo universitario e del lavoro…

Leggi tutto “I dislessici vanno tutelati non solo a scuola ma anche sul lavoro”

Uno spot per raccontare la disabilità. L’emozione in 1 minuto.

Risultati immagini per uno spot per raccontare la disabilità l'emozione in un minuto

Si  chiama “We play for Canada” la campagna sul tema della disabilità realizzata dalla Fondazione Paralimpica Canadese che ha fatto commuovere il mondo. Lo spot racconta le possibilità di relazione tra bambini normodati e disabili. Nessun pregiudizio, nessuna paura. Perché il desiderio di integrazione e condivisione butta giù ogni barriera. Lo sport favorisce l’aggregazione insegnando ai bambini che proprio le nostre diversità rappresentano opportunità di arricchimento…

Leggi tutto “Uno spot per raccontare la disabilità. L’emozione in 1 minuto.”

Io bambina grassa, difenderò fino alla fine i miei studenti

Risultati immagini per io bambina grassa difenderò sempre i miei studenti

Io sono stata una bambina grassa e davvero non lo auguro a nessuno. Ero una bambina bella, bionda e grassa. Ero nata negli anni ’60, dove quel poco benessere conquistato dai miei genitori dopo anni di guerra, di immigrazione, in un Veneto dove ancora non veniva dato l’affitto ai meridionali, si provava un’effimera gioia con il frigo pieno. Mi ricordo i primi negozi alimentari che avevano i casolini, le prime spese nei supermercati dove tutto sembrava irreale, mia madre con il misero stipendio di mio padre, orgogliosa di poter soddisfare per me e i miei quattro fratelli, pranzo e cena…

Leggi tutto “Io bambina grassa, difenderò fino alla fine i miei studenti”

La filosofia alle elementari: una sperimentazione che funziona

La filosofia alle elementari: una sperimentazione che funziona

Il tempo che passa e che trasforma. La bellezza, che fa star bene. Lo scopo delle cose, ammesso che ne abbiano uno. Spiegare la filosofia ai bambini delle elementari funziona: loro si appassionano, imparano a razionalizzare, a elaborare nuove competenze linguistiche. Insomma, crescono. Ne parlo con Paola Muller, docente di Storia della filosofia medievale all’università Cattolica di Milano, che ha appena concluso il laboratorio “Fare filosofia con i bambini” che ha coinvolto 6 classi di quarta e quinta elementare dell’istituto Leone XIII di Milano. Un punto di partenza, perché il progetto va avanti: “L’obiettivo è far entrare la filosofia come curriculare; prima in alcune scuole pilota, poi proporlo alla Direzione scolastica e al Miur”…

Leggi tutto “La filosofia alle elementari: una sperimentazione che funziona”

Il calendario CodyRoby di marzo

CodyRoby-marzo

Il calendario CodyRoby è un calendario mensile che puoi stampare e appendere come qualunque calendario da parete, ma la pagina che terrai appesa per un mese ti proporrà ogni giorno una nuova sfida di coding che potrai affrontare da solo o in squadra, in famiglia, sul lavoro, o a scuola…

Leggi tutto “Il calendario CodyRoby di marzo”

“Atlante del corpo umano” in un eBook da scaricare


Si tratta di un Ebook di 60 pagine, completo e ben fatto, sull’anatomia del corpo umano. Questi i contenuti della risorsa: – Il sistema muscolare; – L’apparato cardio-circolatorio; – L’apparato digerente; – Il sistema immunitario;         – L’apparato respiratorio; – Il sistema nervoso; – L’apparato escretore; – Il sistema endocrino; – L’apparato riproduttore; – Il sistema tegumentario; – L’organo dell’udito; – L’organo dell’equilibrio; – I ricettori del gusto; – I ricettori olfattivi; – L’organo della vista…

Leggi tutto ““Atlante del corpo umano” in un eBook da scaricare”

“ITALIANO FACILE”, SCARICA IL TESTO CON IL PERCORSO SEMPLIFICATO DI GRAMMATICA!

“Italiano facile” è un testo da scaricare gratuitamente, rappresenta un percorso semplificato di grammatica (strutture base dell’Italiano parlato e scritto Livello A2-B1) scritto da  E. Asnaghi, C. Manzo, P. Nicolaci, R. Rocco – Casa editrice CEDAM. Il testo, fuori commercio a disposizione del docente, affronta tutte e 9 le parti del discorso in modo semplificato e quindi accessibile ad alunni stranieri o con difficoltà di apprendimento. E’ fornito di fumetti per facilitare la comprensione, giochi e verifiche di diverso livello di difficoltà.

Leggi tutto ““ITALIANO FACILE”, SCARICA IL TESTO CON IL PERCORSO SEMPLIFICATO DI GRAMMATICA!”

L’uomo che sapeva parlare ai bambini

Risultati immagini per mario lodi vita.it
Quando scriveva Il paese sbagliato Mario Lodi parlava di Vho di Piadena, piccola frazione nel cremonese in cui era nato e dove aveva insegnato per ventidue anni. Ma poiché era provvisto di antenne lunghe, pensava nel contempo al Paese con la p maiuscola. Questo non significa che avesse un atteggiamento disfattista, dimissionario. Anzi, tutt’altro: fino alla fine è rimasto legato al proposito di levare dalla scuola pubblica le incrostature del passato, i retaggi autoritari volti a terrorizzare l’alunno e non a comprenderlo.

Leggi tutto “L’uomo che sapeva parlare ai bambini”

Dedicato a quegli insegnanti che «fanno la differenza»

Risultati immagini per Dedicato a quegli insegnanti che «fanno la differenza»

Una lettera con cui un genitore intende ringraziare tutti quegli insegnanti che – formati o meno per farlo – non perdono tempo a cercare le cause dell’infermità scolastica dei ragazzi e tanto meno si lamentano delle proprie condizioni economiche o della carriera. Quelli, invece, che “fanno la differenza”, che hanno la voglia e la capacità di accettare una sfida, che cercano di fare qualcosa che conta veramente: questo serve a un bimbo che corre incontro alla vita con strumenti che non sono proprio come quelli di qualunque altro bambino. Sono quegli insegnanti che hanno capito che occorre agire in fretta, buttandosi giorno dopo giorno, pur sapendo che non c’è nulla di scontato nel rapporto educativo…

Leggi tutto “Dedicato a quegli insegnanti che «fanno la differenza»”

La scuola non va! Cambiamola così

A scuola non stanno male solo gli scolari o gli studenti. Ci sono anche molti insegnanti che stanno male, hanno gli stessi sintomi dei loro studenti: vanno a scuola malvolentieri, restano spesso a casa, sono frustrati e a volte si sentono perseguitati dal dirigente o dalle famiglie.

La scuola è diventata un contenitore del crescente disagio per tutti: allievi, insegnanti e famiglie. Perché succede questo? Me lo sono chiesto in tanti anni di lavoro con i ragazzi con disturbi specifici dell’apprendimento, a contatto diretto con i loro insegnanti e genitori.

La risposta è che la scuola non risponde più ai bisogni complessi della nostra società. E’ performativa e si basa su una didattica troppo spesso inutile che non favorisce la costruzione dei saperi e delle abilità non tenendo conto dei tempi e delle modalità di apprendimento degli studenti…

Leggi tutto “La scuola non va! Cambiamola così”

L’istruzione domiciliare non è una valida alternativa alla scuola

(RNS1-apr23) The Romeike family studies around a table at home. For use with RNS-HOME-SCHOOl, transmitted on April 23, 2013, Photo courtesy Homeschool Legal Defense Association.

La libertà? Non è stare sopra un albero, ma decidere di fare cinque figli e non mandarne a scuola neanche uno. Perché se la scuola significa “trenta in una classe con una sola insegnante e la maggioranza dei bambini lasciati a se stessi, la competizione, i voti, il bullismo (…)e gli edifici bruttissimi“, allora la risposta più libera è quella dell’homeschooling, la scuola a domicilio, dove la mamma e la maestra sono la stessa persona. Così la pensa Erika Di Martino, la più famosa homeschooler d’Italia che, intervistata ieri da Repubblica, ha dipinto la scelta dell’istruzione domiciliare come l’unica risposta possibile ad un sistema educativo in crisi…

Leggi tutto “L’istruzione domiciliare non è una valida alternativa alla scuola”

Con un treno ed una valigia

valigia

Dopo diverse riforme adottate dai vari governi susseguitisi negli ultimi vent’anni, sino a giungere alla riforma della “Buona Scuola” del governo Renzi, nel nostro Paese, si sta assistendo ultimamente ad una vera e propria “migrazione” tutta italiana. È il popolo degli insegnanti, per la stragrande maggioranza donne, che lasciano le proprie città, i propri comuni di provincia per raggiungere le destinazioni che il M.I.U.R. inflessibilmente ed inderogabilmente assegna loro, per svolgere il proprio lavoro di docente. Si attaccano ad una graduatoria; vivono di precariato, provengono da ogni punto del territorio nazionale: ma nonostante tutto, non mollano!…

Leggi tutto “Con un treno ed una valigia”

Se a scuola insegnassero a meditare

La pratica meditativa ha sfondato anche le barriere degli ultimi tabù pseudo-religioso-culturali ed è ormai ampiamente sdoganata ad ogni latitudine. Al di là di qualsiasi speculazione di tipo puramente didattico sul significato del meditare o sulla concezione stessa della meditazione, vorrei focalizzare l’attenzione su un aspetto apparentemente banale di questa pratica: l’indagine su di sé, conditio sine qua non per un corretto approccio, qualunque sia il grado di conoscenza e di approfondimento…

Leggi tutto “Se a scuola insegnassero a meditare”

Pagina 30 di 61« Prima...1020...2829303132...405060...Ultima »