.

Matematica su YouTube per prendere bei voti a scuola

Un professore in pensione pubblica video lezioni su YouTube di Matematica e Fisica e fa il botto di traffico, alla faccia dei giovani disinteressati verso le materie scientifiche e de “la matematica la odiano tutti”. È un caso che fa discutere quello del professor Carlo Incarbone, che ha aperto un canale YouTube senza grosse pretese di successo, e ha al suo attivo oltre 4 milioni di visualizzazioni.

Cos’ha fatto di eccezionale Incarbone? Quello che sa fare, e che evidentemente ha sempre fatto con passione e motivazione: insegnare Matematica e Fisica ai ragazzi delle superiori

Leggi tutto “Matematica su YouTube per prendere bei voti a scuola”

Rimini, a scuola ci sono due bimbi sordi: tutti imparano la lingua dei segni

RIMINI – C’è una scuola, a Rimini, dove i bambini studiano due lingue: l’italiano e la Lis, la lingua dei segni. Tutto è iniziato cinque anni fa, quando alle elementari paritarie Sant’Onofrio si è iscritto uno studente sordo che, grazie a un interprete, ha cominciato a seguire i corsi in classe assieme agli altri compagni. Oggi il progetto si è allargato a tutti i 105 alunni grazie a laboratori e progetti settimanali che coinvolgono i compagni di classe e pure qualche insegnante incuriosito. Delle vere e proprie lezioni durante le quali imparare ad esprimersi con le mani assieme ai piccoli non udenti. Perché nel frattempo, infatti, altri due studenti con questa disabilità si sono iscritti all’istituto…

Leggi tutto “Rimini, a scuola ci sono due bimbi sordi: tutti imparano la lingua dei segni”

Disabili e insegnanti di sostegno: uno su due è precario o non specializzato

La tutela dei disabili, e l’insegnamento di sostegno, sono fondamentali non solo per gli studenti portatori di handicap, ma anche per le famiglie e la società nel suo complesso: ed è per questo che «le posizioni degli alunni disabili devono prevalere sulle esigenze di natura finanziaria». La sentenza del Consiglio di Stato, emessa qualche giorno fa sull’ennesimo caso di famiglia contro l’ufficio scolastico regionale, è destinata a fare scuola.

La denuncia: il 40% degli insegnanti in deroga

Ma perché, nonostante l’Italia sia un Paese universalmente considerato all’avanguardia per il sistema di inclusione scolastica dei disabili, continua a verificarsi la contrapposizione tra famiglie e istituzioni? Secondo il direttore scientifico dell’I.Ri.Fo.R. dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, il nodo sta negli insegnanti di sostegno, un ruolo spesso ricoperto solo per comodità: il 40%, sostiene Gianluca Rapisarda, sono docenti «in deroga», con incarichi precari e neanche abilitati al sostegno…

Leggi tutto “Disabili e insegnanti di sostegno: uno su due è precario o non specializzato”

Fidget Spinner? Sono trottole, non medicine

Ricordate?
Era il 1982 e, all’improvviso, un oggettino da pochi soldi, inventato da un architetto ungherese, diventò l’oggetto del desiderio dei ragazzi di tutta Europa.
Il cubo di Rubik diventò in pochi anni il gioco più venduto di sempre, con oltre un miliardo di pezzi distribuiti in giro per il mondo. Ma nessuno, all’epoca, si sognò di provare ad incentivarne l’acquisto (o a giustificarlo) trasformando il giochino in un accessorio terapeutico.
Il cubo venne lanciato sul mercato, e i ragazzi lo comprarono. Punto.

Sono passati gli anni.
E da pochi mesi, ha fatto la sua comparsa nelle cartelle di bambini e ragazzi la nipote del cubo di Rubik: si chiama Fidget Spinner, ed è una trottola piatta composta da un insieme di dischi rotanti…

Leggi tutto “Fidget Spinner? Sono trottole, non medicine”

Sbaglia il codice triage, paziente muore: infermiere condannato per omicidio

È stato riconosciuto colpevole di omicidio colposo (sentenza confermata dalla Cassazione) un infermiere che aveva attribuito un “codice verde” a un paziente colpito da infarto, poi deceduto. Il codice giallo, secondo la sentenza, avrebbe permesso all’uomo di essere sottoposto a esami più tempestivi e, quindi, presumibilmente di essere salvato. La Cassazione (IV sezione penale, sentenza 10 aprile 2017, n. 18100) ha quindi riconosciuto la responsabilità dell’infermiere del triage del pronto soccorso, che ha sottovalutato il codice colore provocando così una catena infausta di eventi: il paziente, con un infarto in corso trasportato al pronto soccorso da un’ambulanza dove era stato assegnato un codice giallo, non viene sottoposto a un esame obiettivo e a un elettrocardiogramma secondo le “linee guida del triage infermieristico”, e in seguito non viene rivalutato…

Leggi tutto “Sbaglia il codice triage, paziente muore: infermiere condannato per omicidio”

“Basta proteggere i ragazzi. I brutti voti servono, eccome”

Alessandro D’Avenia assomiglia al Piccolo Principe e ha l’energia dell’Attimo fuggente. Ma soprattutto ha un dono: sa parlare ai sedicenni. Sì, quei sedicenni indecifrabili che non sorridono nemmeno nei selfie e sembrano buoni solo a chattare.

Invece no: il prof-scrittore li incontra a teatro, in libreria. Li stuzzica su idoli un pò più edificanti di Justin Biber e delle miriadi di youtuber. Leopardi e Omero in testa.

Come fa? Dice la verità. Cruda, senza sconti. Ma poi non li molla lì, da soli. Li aiuta a non avere vergogna della loro fragilità e a cercare in quel caos interiore tipico dell’adolescenza (e non solo) il loro talento, piccolo o grande che sia. Ecco perché è entrato nel cuore di tanti ragazzi e di tanti genitori…

Leggi tutto ““Basta proteggere i ragazzi. I brutti voti servono, eccome””

Strumenti per una didattica d’inclusione: la Comunicazione Aumentativa e Alternativa

Se volete sapere come ci si sente quando si è impossibilitati a comunicare, andate ad una riunione e fingete di non poter parlare. Usate le mani ma non carta e matita, perché queste generalmente non possono venir usate da persone con gravi disabilità fisiche, impossibilitate ad esprimersi verbalmente. Sarete circondati da persone che parlano: che parlano davanti a voi, dietro di voi, intorno a voi, sotto di voi, attraverso voi ed anche per voi ma mai con voi. Voi verrete ignorati finché vi sentirete come un elemento dell’arredamento.

Queste parole non sono mie. Sono le parole di Creek, un giovane con paralisi cerebrale, con cui introduco l’argomento della Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA)…

Leggi tutto “Strumenti per una didattica d’inclusione: la Comunicazione Aumentativa e Alternativa”

Dieci ragioni per fare teatro nella scuola

Una delle attività che più amo fare con le bambine e i bambini a scuola è il teatro. Sono felice, infatti, quando siamo presi da grande agitazione perché sentiamo la necessità e l’urgenza di costruire insieme uno spettacolo teatrale. Allora l’aria diventa elettrica e tutti ci scaldiamo e sudiamo, cosa che accade raramente a scuola fuori dalla ricreazione.

Mi piace comporre e costruire tutti insieme, in classe, il canovaccio e il copione che darà senso alla nostra rappresentazione, partendo dalle parole emerse nelle nostre tante conversazioni. Spesso poi propongo di intrecciare le loro immagini con frammenti di testi classici, perché è bello fare entrare in risonanza pensieri e immagini dei bambini con le parole, meravigliose, che ci possono donare Omero, Shakespeare o Brecht…

Leggi tutto “Dieci ragioni per fare teatro nella scuola”

Lettera a una professoressa

La maestra Sonia ci chiama a colloquio a dicembre. Matteo è in prima elementare e fatica a sillabare. Ci esercitiamo durante le vacanze natalizie… Ci divertiamo, anche se a tratti mi accorgo di essere spazientita. Un presentimento. Il quadrimestre giunge al termine: la situazione si è sbloccata, Matteo collega lettere e parole. Grazie. Grazie Maestra Sonia.

Spensierati terminiamo il biennio della scuola elementare, ma è giunto il momento di salutare la nostra cara Sonia, che ci lascia e va in pensione, con tutta la sua saggezza, attitudine, perspicacia e attenzione. La terza elementare inizia con le nuove insegnanti, le nuove discipline, storia, scienze e geografia…

Leggi tutto “Lettera a una professoressa”

Parlare male di un collega davanti ad una classe è reato

Esistono degli insegnanti, pochi per la verità, che, durante le ore di lezione e in presenza dei propri allievi, parlano male di qualche collega. Ma parlare male di un collega davanti ad una classe, mentre si sta svolgendo un’ora di lezione, potrebbe essere catalogato come un reato di diffamazione. La questione diventa ancora più diffamatoria, se il docente pettegolo, e che non riesce a tenere la lingua a posto, dovesse dire ai suoi allievi: “Il prof. dell’anno scorso  non capisce niente e vi ha detto un cumulo di stupidaggini, la spiegazione giusta è quella che ho fatto io”. Questo è un tipico caso in cui il docente diffamatore tende a colpire l’onorabilità professionale di un suo collega, cercando di umiliarlo agli occhi dei suoi ex studenti, utilizzando impropriamente il suo ruolo di educatore.

Leggi tutto “Parlare male di un collega davanti ad una classe è reato”

La maleducazione degli studenti aggrava lo stress dei docenti e sta crescendo progressivamente. Lettera

inviata da Mario Bocola  – È da sempre che il prof. Lodolo afferma che la professione docente è usurante e che il burnout deve essere riconosciuta quale malattia professionale che affligge il mondo della scuola perché i docenti sono sottoposti a ritmi di lavoro stressanti che generano condizioni di malessere e di disagio.

Ad aggravare la situazione di insofferenza degli insegnanti sono diversi fattori legati al fenomeno delle classi pollaio, all’irrequietezza degli alunni, alla maleducazione o meglio ineducazione imperante, alla frustrazione di non sentirsi considerati dalla società…

Leggi tutto “La maleducazione degli studenti aggrava lo stress dei docenti e sta crescendo progressivamente. Lettera”

Maria Grazia Cucinotta: «La mia vita con la dislessia»

Per fortuna oggi anche in Italia c’è più sensibilità e informazione sull’argomento, ma ai miei tempi a scuola i dislessici come me venivano semplicemente valutati come pigri e svogliati. Per tutti gli anni trascorsi sui banchi mi sono dovuta scontrare contro il pregiudizio degli insegnanti che, ignorando cosa fosse questo disturbo dell’apprendimento, nei colloqui con mia madre ripetevano sempre lo stesso ritornello: «Sua figlia è intelligente ma non si applica, si distrae spesso e quindi rende poco».

Quando ero tesa facevo scena muta

Timida ed emotiva, ero perennemente vittima di scherzi e vessazioni da parte dei compagni di classe perché leggevo aiutandomi con il dito e spesso invertivo o saltavo le parole

Leggi tutto “Maria Grazia Cucinotta: «La mia vita con la dislessia»”

“Mio figlio è un piccolo genio: in classe lo emarginano tutti, compagni e professori”. Come riconoscere i bambini plusdotati

“Non volevo fare la mamma fanatica che crede di avere un piccolo Einstein in casa e ho lasciato che fosse come gli altri. La scuola? una delusione. I suoi insegnanti non solo non hanno capito il perché dei comportamenti di mio figlio, ma lo hanno ripetutamente punito, fino a spedirlo dallo psicologo”: la storia di un bambino con Q.I.  di 150 – il massimo è 160, la media Q.I. è 100 – vittima di atti aggressivi da parte di insegnanti e bambini.

Chi sono i plusdotati. Non è facile avere un bambino plusdotato: hanno talento, sono bravissimi, ma insieme hanno mille fragilità e sono molto vulnerabili. I bambini plusdotati sono bimbi che spesso incontrano difficoltà a relazionarsi con gli altri, hanno una spiccata sensibilità ed in genere vengono poco capiti, e magari esclusi dagli altri bambini…

Leggi tutto ““Mio figlio è un piccolo genio: in classe lo emarginano tutti, compagni e professori”. Come riconoscere i bambini plusdotati”

“LA DIDATTICA PER COMPETENZE”, libro scaricabile con teoria, esempi ed esperienze pratiche.

La didattica per competenze è un libro corposo, completo, ricco di spunti teorici e di esempi, elaborato dall’Istituto Tecnico Industriale “G. Marconi” di Padova.
Il libro, di 228 pagine, è stato realizzato dal team di docenti.
 Questi gli intenti:

 “Il desiderio perenne di aggiornamento ci ha indotto ad operare serenamente e fruttuosamente in gruppo, alla ricerca di nuove strategie didattico – educative adattabili…
Leggi tutto ““LA DIDATTICA PER COMPETENZE”, libro scaricabile con teoria, esempi ed esperienze pratiche.”

Superiori? “Rivoluzione” fiorentina

C’è una scuola superiore a Firenze che ha imboccato una strada nuova, grazie al preside, Ludovico Arte. Una strada che “va incontro” ai ragazzi…

Uno dei grandi problemi di oggi è rappresentato dai numeri, sconcertanti, dell’abbandono scolastico nella fascia adolescenziale, cioè quando i ragazzi approdano alla scuola superiore. Per questa fascia di età la “proposta educativa” è rimasta ancora più al palo rispetto ad altri ordini e gradi di scuola ed è è sempre più evidente il disagio e lo scollamento tra approccio educativo ed esigenze dei giovani che mutano. A Firenze c’è però un istituto superiore, l’Istituto tecnico statale per il turismo Marco Polo, che sta tentando, non senza fatica e ostacoli, di “cambiare pelle e sostanza”. Come? Lo chiediamo al dirigente scolastico, Ludovico Arte…

Leggi tutto “Superiori? “Rivoluzione” fiorentina”

Musicoterapia: finalità e obiettivi di un intervento con i bambini a scuola

La musica, il linguaggio universale. In che modo diventa anche strumento pedagogico? Prova a chiedere ad un bambino: “E se sostituissimo le parole con dei suoni?” Fino ad alcuni anni fa ho condotto con un certa sistematicità laboratori di musicoterapia nelle scuole. L’ho fatto con i più piccoli e anche con gli insegnanti. A questi ultimi ho provato a spiegare come riuscivo a catturare l’attenzione degli scolari: “Non serve urlare. Se il concetto di silenzio non viene acquisito, allora, facciamolo diventare un gioco.” Un gioco musicale, naturalmente. 

In musica il silenzio è una pausa. In pedagogia il silenzio è ascolto. Di sé e dell’altro. Se c’è silenzio, ogni bambino può accorgersi di chi gli sta intorno, cosa che non accade nel caos delle case e, spesso, anche delle classi. Se il bambino si accorge di chi ha accanto e fa silenzio, gli lascia uno spazio di espressione, lo riconosce, ne ammette la diversità. Ma se il silenzio glielo imponi, egli non lo farà…

Leggi tutto “Musicoterapia: finalità e obiettivi di un intervento con i bambini a scuola”

L’Invalsi è fallita e vi spiego perché

L’Invalsi compie dodici anni. A partire da questa settimana ritorna nelle nostre classi ma pochi hanno compreso a cosa serve, se serve, se migliora il sistema d’istruzione del nostro Paese, perché e come misura gli apprendimenti dei nostri ragazzi.

Molte mamme e papà ogni anno mandano i loro figli a scuola senza porsi troppe domande sul test; se provi a chiedere loro ti rispondono: “Non lo so a che serve. Lo fanno”. Molti, troppi colleghi insegnanti, lo somministrano perché va fatto. Punto e basta. Se indaghi ti rispondono: “Con tutto quello che ho da fare non ho certo tempo come te di far polemica. Lo faccio, punto. Tanto non mi cambia nulla”. Oppure: “Se anche faccio sciopero tanto il dirigente obbliga qualcun altro a somministrarlo. Perciò meglio che stia io in classe”…

Leggi tutto “L’Invalsi è fallita e vi spiego perché”

Storie e Fiabe per bambini da ascoltare e scaricare in MP3

Non c’è bambino che non ami ascoltare e riascoltare Storie, Fiabe e Filastrocche che stimolano la fantasia con avventure e viaggi immaginari; ecco allora a tua disposizione gratuitamente da leggere, ascoltare e scaricare, oltre 500 file audio MP3 con bellissime Storie, Fiabe e Filastrocche narrate in Italiano.

I podcast li trovi un po nascosti all’interno della Biblioteca dei Bambini multilingue nella sezione in Italiano ordinati per Autore, o in alternativa puoi fare una ricerca avanzata per Titolo, Autore, etc.

I Podcast o Audiolibri sono facilmente riconoscibili tra i tanti libri perché contrassegnati dall’icona , clicca sul Titolo per leggere e ascoltare online la voce narrante, mentre per salvare il file MP3 sul tuo PC devi cliccare sulla freccia grigia che trovi a destra del lettore audio in alto…

Leggi tutto “Storie e Fiabe per bambini da ascoltare e scaricare in MP3”

La storia di Lorenzo: dall’autismo al lavoro: “Non è solo silenzio e solitudine”

Leggi tutto “La storia di Lorenzo: dall’autismo al lavoro: “Non è solo silenzio e solitudine””

“Ho fatto un selfie col ministro Fedeli”

Ho fatto un selfie col Ministro Fedeli. E’ successo davvero, il 7 febbraio scorso, al Safer Internet Day di Roma. “Ministro, vuole fare un selfie con un insegnante?”. Purtroppo il primo non è venuto bene, ma non me ne sono accorto certo io: “Professore, è venuto in controluce: rifacciamo?”. Il guaio è che l’abbiamo rifatto nello stesso punto altre due volte. E così, alla fine, non ho fatto un selfie con Valeria Fedeli, ne ho fatti quattro.

Entrato in confidenza – è stata gentile davvero – ho ritenuto di poterle anche scrivere. Ho pensato di chiedere a lei, datore di lavoro “ultimo” e apicale, una conferma sul mio operato. Che dite, le mando questa lettera?

Signor Ministro,
sono il prof di Lettere con cui ha fatto il selfie al Safer Internet Day (non mi chieda però cosa significa: insegno Lettere, non Inglese; e comunque no, non si agiti, non lo chiederò neppure io a lei). Rifletto spesso sulla mia capacità di declinare correttamente le famose “competenze”: le chiedo, in merito, un parere…

Leggi tutto ““Ho fatto un selfie col ministro Fedeli””

Il successo da adulti non dipende dai voti a scuola

Questo signore nella foto è Howard Gardner. E’ un insegnante e psicologo americano di origine ebraica. Le evidenze del suo lavoro nascono dall’osservazione dei bambini tra i banchi di scuola e fino all’età adulta e dimostrano che non esiste correlazione diretta tra prestazioni scolastiche e successo nella vita. Gardner, a cui sono legati gli studi e la teoria delle intelligenze multiple, è stato il primo, infatti, a smontare decenni di ricerche sull’intelligenza, in relazione alla quale la visione scientifica dominante non prendeva in considerazione le ingerenze della vita mentale emotiva.

In effetti, la visione delle scienze umane è molto cambiata da quando la psicologia ha compreso il potere delle emozioni nella vita delle persone.

Le intelligenze multiple

Se siamo arrivati a queste conclusioni, il che oggi è un dato acquisito dalle neuroscienze, lo si deve anche al suo contributo. La parola chiave di questa nuova concezione dell’intelligenza umana è multipla

Leggi tutto “Il successo da adulti non dipende dai voti a scuola”

Il docente liquido

La scuola dell’innovazione richiede un rapporto diverso tra studente e docente in cui l’obiettivo non è più l’apprendimento disciplinare, ma una vera didattica per competenze, personalizzata e condivisa. È chiaro che in questo processo il ruolo chiave è quello del docente, che si sente, oggi più che mai, disorientato e incapace nell’affrontare un cambiamento così  radicale delle modalità di apprendimento dei ragazzi.

Ogni studente possiede stili cognitivi diversi, apprende in modo differenziato, unico e soggettivo: il processo di apprendimento deve dunque essere fortemente orientato all’azione personalizzata, in cui si permette ad ognuno di esprimersi liberamente…

Leggi tutto “Il docente liquido”

Le scuole italiane e il tabù della bocciatura

«Se tutti gli studenti avessero i voti che meritano non verrebbe promosso più del 20 per cento». Spetta a un professore di un istituto tecnico commerciale pugliese il merito di aver ancora una volta portato alla ribalta nel modo più clamoroso, con queste parole (Corriere, 23 aprile), la grande menzogna su cui si regge da anni il sistema dell’istruzione italiano: le promozioni d’ufficio. Proprio perché il suddetto professore non stava al gioco, e viceversa dava ai suoi studenti i voti che meritavano, il dirigente della scuola dove insegnava lo ha sospeso a suo tempo dal servizio: sanzione disciplinare che adesso, dopo ben cinque anni, il giudice del lavoro di Lecce ha però annullato dandogli ragione. Le cose in effetti stanno così: nelle scuole italiane la bocciatura è di fatto bandita, così come è bandito ogni autentico criterio di selezione e quindi di reale accertamento del merito…

Leggi tutto “Le scuole italiane e il tabù della bocciatura”

Latino alle medie per resistere alle nuove “invasioni barbariche”

Emanuela Andreoni Fontecedro, docente ordinario di letteratura latina nell’Università di Roma Tre, ha scritto saggi sui testi di filosofia e di poesia latina e di eredità classica nelle letterature moderne. Da sempre impegnata nella ricerca sulla didattica del latino nei licei, per i quali ha elaborato un metodo applicativo per traduzione della versione latina a partire dai modelli linguistici di Tesnière-Sabatini, si è occupata recentemente anche dell’insegnamento delle cultura classica e della lingua latina nella scuola media. Per la scuola, è coautrice di “Guida alla traduzione del testo latino” (Studium 2017).

Citando un celebre saggio di Traina, nella società del terzo millennio, il latino per chi? il latino perché?

Sono intervenuta molte volte su questo argomento a partire dagli anni 80, quando promossi un appello per il latino che rimbalzò agli onori dei giornali e della televisione e delle tesi di laurea in pedagogia. Ma è stato tutto vano e il fallimento della prospettiva educativa di questo paese, e degli altri stati europei, che hanno rinunciato alla loro identità culturale — fondata nel latino e nella cultura umanistica — è sotto gli occhi di tutti…

Leggi tutto “Latino alle medie per resistere alle nuove “invasioni barbariche””

Come accadde che un punto cambiò la storia

“Punto. Due punti. Punto e virgola. Ma sì… Adbundadis adbundandum. Se no, poi, dicono che siamo tirati”. Chi non ricorda la celebre scena della lettera che Totò detta a Peppino? Certo, non potevano immaginare che sarebbe successo davvero di distribuire a caso la punteggiatura. L’amara considerazione è che oggi abbiamo mediamente disimparato a scrivere. Per imperizia o per pigrizia. Ma in un celebre episodio, un punto cambiò il corso degli eventi.

Il punto che cambiò il corso degli eventi

La storia leggendaria dell’antica Roma racconta che un soldato si rivolse alla Sibilla per ricevere un oracolo sul suo destino, prima della partenza per la guerra. Il responso era scritto su delle foglie di palma e recitava:
“Ibis et redibis non morieiris in bello” che, tradotto, significa: “Andrai e tornerai non morirai in guerra”…

Leggi tutto “Come accadde che un punto cambiò la storia”