Nomine supplenti a rilento: il ministero guidato da Azzolina manda gli ispettori a Milano, nell’ufficio del predecessore Bussetti


.


“Un semplice aiuto per sbloccare la questione supplenti” secondo il ministero dell’Istruzione, “perché stava diventando un’emergenza“. “Un’invasione di campo che assomiglia a un commissariamento e sa di mossa politica”, è l’interpretazione dai corridoi dell’ufficio scolastico territoriale di Milano. L’arrivo di tre dirigenti del Ministero dell’Istruzione nel capoluogo lombardo non poteva…


Fonte: Scuola – Il Fatto Quotidiano
Leggi l’articolo completo su: Scuola – Il Fatto Quotidiano

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web