Lacrime e scuola


.


Chi non s’è commosso, fino alle lacrime, la mattina del 14 settembre, varcando il portone d’ingresso, incontrando i colleghi e il preside, e abbracciando “a distanza” i ragazzi dopo sette mesi di “vuoto cosmico” e risentire, come una lusinga, “prof”, scagli la prima pietra. E le lacrime sono visioni e…


Fonte: Consorzio Aetnanet
Leggi l’articolo completo su: Consorzio Aetnanet

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web