Vecchioni: è sempre rock studiare latino e greco

Ho conosciuto Bettini tanti tanti anni fa che pare ormai preistoria, a Siena, (era ministro ancora Berlinguer) durante un meeting premonitore a difesa del greco e del latino. La sera gli confessai una privata malinconia: avevo dovuto scegliere tra carriera universitaria o fare il cialtrone sul palco. Mi rispose che anche a lui gli sarebbe piaciuto cantare. Io poi alla cattedra ci arrivai veramente. Meno male che lui non si è messo mai a cantare. Non ci siamo rivisti quasi più, ma io ho continuato a leggerlo sentendolo sempre, volta a volta come un compagno di trincea a cui passi il tascapane e ti rilegge per la decima volta l’ultima lettera del suo amore mentre fioccano proiettili da tutte le parti e tu non ti arrendi, non ti arrendi mai…

Leggi tutto “Vecchioni: è sempre rock studiare latino e greco”

Grosseto. Lei vegana, la figlia vegetariana: “Io aggredita dalle mamme fuori dalla scuola”

Da una fettina di carne servita alla mensa di una scuola elementare nasce uno scontro tra due modi di vivere: i vegani da una parte e i carnivori dall’altra. Un conflitto che divampa dalla curiosità dei bambini, protagonisti involontari, e finisce all’esterno dell’istituto di una località della provincia grossetana dove una mamma, vegana, ha denunciato di essere stata aggredita e minacciata dai genitori dei piccoli compagni di scuola della figlia, vegetariana, proprio mentre aspettava di riportarla a casa. Il motivo? La bambina, di sette anni, secondo quanto denunciato dalla mamma ai carabinieri avrebbe detto ai compagni di classe: “Ma lo sai che quel che stai mangiando prima era un maialino e ora è morto? Lo sai che quello era un pesciolino che prima nuotava nel mare?”…

Leggi tutto “Grosseto. Lei vegana, la figlia vegetariana: “Io aggredita dalle mamme fuori dalla scuola””

Prof. D’Avenia: “Se i docenti diventano indecenti”

Un libro li definisce «sdraiati». I ragazzi di oggi. Una generazione che non sa tenere la schiena dritta, ma spalma sulla vita la propria spina dorsale liquida. Avrei la schiena come la loro se mi avessero dotato di una comodissima sedia a sdraio, dalla quale avrei mandato a quel paese chi dopo averla fornita ora, pentito, la rivuole indietro. Moralismo. Nostalgia del tempo andato. Paternalismo sornione.

Gli sdraiati invece li vedo tendersi quando offri loro qualcosa di cui non possono fare a meno e che abbiamo sostituito con surrogati tecnologici, assenza di «no» e limiti, ma soprattutto di mete non autoreferenziali e narcisistiche…

Leggi tutto “Prof. D’Avenia: “Se i docenti diventano indecenti””

Scuola: perchè bisogna alzarsi in piedi quando entra l’insegnante

Gentile professoressa, ho un figlio che ha iniziato quest’anno la scuola media, e l’inizio è stato particolarmente problematico. Alla scuola elementare, le maestre permettevano ai bambini di alzarsi spesso, non era richiesto il permesso per buttare la carta nel cestino e men che meno dovevano alzarsi in piedi all’arrivo dell’insegnante. Ora, arrivati alla scuola media, questi bambini ogni giorno si sentono dire che devono imparare a stare al loro posto e a noi genitori alla riunione di classe è stato detto che non sono “scolarizzati”. Non le sembra un pò una esagerazione? O forse non sarebbe opportuno pretendere altre cose rispetto all’alzarsi in piedi?…

Leggi tutto “Scuola: perchè bisogna alzarsi in piedi quando entra l’insegnante”

Il vero professore non lavora solo 18 ore

La sala professori di una scuola è un piccolo mondo. Parlano i docenti anche quando stanno zitti, le loro letture, le borse che portano in classe. Ma, soprattutto, i ragazzi che li vengono a cercare, i genitori che arrivano anche fuori orario perché sanno di trovarli lì senza orologio. La sala professori dice di un mondo vario, fatto di persone diverse, di libri nuovi appena arrivati e osservati con cura ma anche di fotocopie sgualcite dell’anno prima ancora a riempire un unico cassetto. È per questo, pensano in tanti, che circa 1300 euro nette al mese per le 18 ore di lavoro di chi finisce e scappa bastano e avanzano, con due mesi di ferie d’estate, e pure Natale e Pasqua a casa…

Leggi tutto “Il vero professore non lavora solo 18 ore”

“Sono un bambino con il disturbo dello spettro autistico: ecco cosa vorrei dirti”

photo-1460563718712-def1dbc17322

Angel Rivière, professore spagnolo di psicologia evolutiva presso l’Università Autonoma di Madrid, ha interpretato i bisogni dei bambini con il disturbo dello spettro autistico con eccezionale immedesimazione.

Dopo aver dedicato tutta la sua vita professionale all’autismo, scomparso nel 2000, Rivière ha lasciato un importante contributo per la  comprensione del comportamento autistico.

Con questo documento molto interessante, una sorta di decalogo di consigli, Riviere ci aiuta a capire il pensiero autistico e a relazionarci con esso, riassumendo in venti punti cosa ci chiederebbe un bambino con il disturbo dello spettro autistico…

Leggi tutto ““Sono un bambino con il disturbo dello spettro autistico: ecco cosa vorrei dirti””

“Mi dicevano ucciditi, invece ho scritto un libro”. La rivincita di Erika, 16enne vittima dei bulli

Risultati immagini per mi dicevano ucciditi

L’inferno inizia in prima elementare. Erika Orrù è solo una bimba, ma i compagni la emarginano, non giocano con lei, la lasciano sola, le tirano i capelli. Le cose peggiorano alle medie e dopo la prima superiore la ragazza si arrende e decide di abbandonare la scuola.

“Mi prendevano in giro, mi dicevano: sei un mostro, ucciditi. Io chiedevo a mia mamma: ‘Cosa ho fatto di male per meritarmi questo? Sono sempre stata gentile'”.

La storia di Erika, che adesso ha 16 anni, passa per cadute nell’abisso della disperazione prima del riscatto. Un’infanzia e un’adolescenza sull’orlo del precipizio, poi il sogno che si realizza…

Leggi tutto ““Mi dicevano ucciditi, invece ho scritto un libro”. La rivincita di Erika, 16enne vittima dei bulli”

Metodo Steiner e Montessori a confronto: i due approcci pedagogici spiegati in 21 punti

p_00505291

Qual è la differenza tra il metodo Montessori e quello Steiner? Lo abbiamo chiesto a due esperti del settore e suddiviso le risposte in 21 punti: da una parte Sonia Coluccelli, insegnante e formatrice della Fondazione Montessori Italia e coordinatrice della rete Scuole Montessori Alto Piemonte, dall’altra Silvano Strazzari, insegnante e referente del Gruppo Cultura presso la scuola Waldorf di Como…

Leggi tutto “Metodo Steiner e Montessori a confronto: i due approcci pedagogici spiegati in 21 punti”

“Grazie dottore ma io sono già morta 15 anni fa”, il post del medico diventato virale che ha fatto commuovere l’Italia…

deplano2.jpg_982521881

Un post davvero struggente. Questo testimonia che il rapporto che si viene a creare tra medico e paziente spesso va oltre il rapporto professionale. Una prova che anche in questa drammatica situazione si possono instaurare rapporti umani indelebili. Il messaggio pubblicato da un medico dell’ospedale Sirai di Carbonia, in Sardegna, è subito diventato virale per la sua grande profondità. Lo stesso dottore, Marco Deplano, si dice lusingato e meravigliato nel vedere che questo post è diventato un putiferio mediatico, poiché lui lo considera uno stralcio di quotidianità. La signora che è affetta da un tumore terminale ha dato una lezione di vita al medico ed a tutti noi. Una storia che merita di essere letta…

Leggi tutto ““Grazie dottore ma io sono già morta 15 anni fa”, il post del medico diventato virale che ha fatto commuovere l’Italia…”

Docenti gratis ai musei, ecco il modello originale da compilare e consegnare in segreteria

Buone notizie per i docenti di ruolo o supplenti: possono accedere gratuitamente ai musei

Come annunciato in anteprima dalla Tecnica della Scuola, i docenti italiani, di ruolo o con contratto a tempo determinato, potranno dunque accedere gratuitamente nei musei.

Con la Nota n. 12045 del 20 marzo scorso, il Miur ha infatti reso noto che il ministero dei Beni Culturali ha emanato nuove disposizioni in materia di ingresso nei siti museali, come anche per accedere in gallerie, scavi di antichità, parchi e giardini monumentali.

Per poter beneficiare dell’ingresso gratuito, è però necessario presentare alla biglietteria una certificazione rilasciata dalla scuola di appartenenza della condizione di docente…

Leggi tutto “Docenti gratis ai musei, ecco il modello originale da compilare e consegnare in segreteria”

Pagina 30 di 64« Prima...1020...2829303132...405060...Ultima »