Paolo Crepet: Indispensabile bocciare. Se la scuola "patteggia" è la fine



(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Riportiamo alcune riflessioni di Paolo Crepet sulla scuola  e sulla sua azione educativa. Crepet dice: “ Non è vero che i ragazzi di oggi sono più agitati. In gioventù ribellione e intemperanza ci sono sempre state. Non è cambiato il livello di insubordinazione dei giovani…


Fonte: Regolarità e trasparenza nella scuola
Leggi l’articolo completo su: Regolarità e trasparenza nella scuola

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web