La didattica per schede alla scuola dell’infanzia? No grazie.


Che fatica quando agli open days delle scuole del tuo quartiere trovi tutte quelle attività uguali, schede colorate bene o male attaccate ad un filo. Quelle lettere e quei numeri su cartelloni tutti uguali così simili ai cartelloni di una scuola primaria. Che fatica stare zitti! E che bello invece quando ti senti dire dalle stesse maestre che la didattica per schede sta rovinando un lungo lavoro pedagogico costruito sui bisogni dei bambini, sulla conoscenza dei pre-requisiti in modo esperenziale, maestre che ti dicono che le schede annullano tutte le differenze: non si vede il bello, non si vede il brutto, c’è solo omologazione, dei bambini non rimane nulla. E’ consolante quando vedi che queste maestre lavorano con fatica e impegno per proporre ai bambini esperienze concrete, non immagini stereotipate sempre uguali. Esperienze che lasciano veramente la possibilità ai nostri bambini di esprimersi liberamente, ognuno con le capacità che ha…

Fonte: La crescita felice
Leggi l’articolo completo su: La crescita felice

One thought on “La didattica per schede alla scuola dell’infanzia? No grazie.

  1. Mary 2 settembre 2017 at 11:58

    Sono d’accordo . Le schede fotocopiate non sono altro che passatempo fine a se stesso quando invece fare esperienza, anche in sezione, con diversi materiali da ritagliare, incollare, strappare, accartocciare sono tempo che aiuta ad apprendere….

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web