Vaccini, Moige: non convertire in legge il decreto. La Petizione


La petizione è diretta al Presidente Gentiloni e ai Capigruppo di Camera e Senato per chiedere che il Parlamento non converta in legge questo decreto inaccettabile e incostituzionale che introduce la coercizione vaccinale ai bambini da 0 a 6 anni, introducendo sanzioni pesantissime come perdere la possibilità di iscrizione alla…


Fonte: Orizzonte Scuola
Leggi l’articolo completo su: Orizzonte Scuola

One thought on “Vaccini, Moige: non convertire in legge il decreto. La Petizione

  1. ALESSIO 28 maggio 2017 at 2:16

    FIRMA CONTRO OBBLIGATORIETA’ DI 12 VACCINI – PREVISTA DAL DL 2679 (19.5.2017)

    https://www.change.org/p/alla-corte-costituzionale-italiana-firma-contro-obbligatorieta-dei-vaccini-prevista-dal-disegno-di-legge-2679-del-pd?recruiter=38282632&utm_source=share_petition&utm_medium=facebook&utm_campaign=share_for_starters_page&utm_term=des-md-google-no_msg
    Il 7 Ottobre 2014, per la prima volta, un capo di governo (Matteo Renzi) incontra le lobby del farmaco per una strategia comune: “è la prima volta che un primo ministro incontra un gruppo di Ceo mondiali dello stesso settore. L’obiettivo dell’incontro è stato fare il punto sull’impegno dell’esecutivo in un settore strategico come quello farmaceutico e sull’attrazione di investimenti in Italia”

    http://www.ilvelino.it/…/bac16c57-ccfa-49e7-919c…/

    Aprile 2016: “GlaxoSmithKline (Gsk), la multinazionale britannica del pharma, raddoppia e decide di scommettere ancora un miliardo in Italia nei prossimi quattro anni. Un investimento sostanzioso e forse addirittura sottostimato rispetto ai programmi mondiali di Gsk, che proprio dalle attività nel nostro Paese conta di incrementare il business del gruppo. A partire da quelle del polo toscano dei vaccini di Siena e di Rosia, il cuore rispettivamente della R&S e della produzione di settore, dopo il mega scambio di attività (vaccini contro oncologia) con Novartis perfezionato l’anno scorso. Non a caso proprio ai vaccini, col business strategico anti meningite, sarà riservato il 60% degli investimenti (600 mln), contro il 40% dedicato al pharma tradizionale.
    Leader mondiale nei vaccini con 3,7 miliardi di sterline di fatturato su 23,9 totali, è da questo settore (profittevole in due casi su 10 nel mondo) che la multinazionale britannica si aspetta una autentica escalation nei prossimi anni. Fino ad arrivare a 6 miliardi di sterline entro il 2020.”

    http://www.sanita24.ilsole24ore.com/…/vaccini-e-farmaci…

    Di cosa hanno parlato Matteo Renzi e i Ceo di Big Pharma nell’incontro del 2014? Cosa hanno richiesto queste multinazionali del farmaco al primo ministro italiano in cambio di questi massicci investimenti nel nostro paese? Perché investono in Italia quando il resto delle aziende fugge all’estero? Qual è stato il prezzo da pagare? E’ solo un caso che il loro businnes dichiarato siano i vaccini? Oppure c’è qualche legame con il terrorismo mediatico e psicologico di questi mesi?

    http://www.ilvelino.it/it/article/2014/10/07/se-big-pharma-bussa-al-governo/bac16c57-ccfa-49e7-919c-239b0bb443a8/

    Se Big Pharma bussa al governo

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web