L’alternanza scuola lavoro è un mezzo flop: tra studenti parcheggiati e prof lasciati soli

«Lo avevo detto al professore che così non andava. Ma mi ha risposto che non c’erano altre scelte». Per la sua alternanza scuola-lavoro, Oriana è finita a fare le fotocopie negli uffici comunali di Campobasso. La sua scuola, il liceo Pertini, l’ha poi spedita a Roma per tre ore di lezione in Banca d’Italia: «Ho speso 100 euro per il soggiorno e non ho imparato niente».

Francesco invece ha diciassette anni e sa come creare nano-tubi di carbonio partendo dal grafene e come rilevare i raggi cosmici. Lo ha imparato all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Roma, dove è stato mandato dal suo liceo scientifico, il Luigi Siciliani di Catanzaro. «Non mi sono sentito un emigrante, anche se ho dovuto pagare il soggiorno…

Fonte: l’Espresso
Leggi l’articolo completo su: l’Espresso

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web