Prof. D’Avenia: “Se i docenti diventano indecenti”


Un libro li definisce «sdraiati». I ragazzi di oggi. Una generazione che non sa tenere la schiena dritta, ma spalma sulla vita la propria spina dorsale liquida. Avrei la schiena come la loro se mi avessero dotato di una comodissima sedia a sdraio, dalla quale avrei mandato a quel paese chi dopo averla fornita ora, pentito, la rivuole indietro. Moralismo. Nostalgia del tempo andato. Paternalismo sornione.

Gli sdraiati invece li vedo tendersi quando offri loro qualcosa di cui non possono fare a meno e che abbiamo sostituito con surrogati tecnologici, assenza di «no» e limiti, ma soprattutto di mete non autoreferenziali e narcisistiche…

Fonte: La Stampa
Leggi l’articolo completo su: La Stampa

2 thoughts on “Prof. D’Avenia: “Se i docenti diventano indecenti”

  1. Lucia 25 marzo 2017 at 17:15

    Mi piace leggere le tue parole e mi piace crederci. Tutti i giorni però mi scontro con un’altra realtà. Studenti che portano rispetto solo a chi manca loro di rispetto, umiliando voti bassissimi e soprattutto con che trasudano superiorità e classismo. Forse la mia è una scuola speciale, oppure i miei ragazzi sono troppo grandi, ma qui, quasi sempre, mostrare umanità è controproducente.

  2. Ernestina 20 maggio 2017 at 14:14

    Ma questo docente parli quando c’è stato un pò di più in scuola. Parlino gli esperti, non i baldi in cerca di notorietà facile. Vendite da libro comprese.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web