La pagella tra le mani


.

I bambini non sono voti che ci rassicurano, sono universi a sè stanti. Sono le parole che sentono, la musica che ascoltano, la vita che vivono. Non la paginetta che imparano, il corsivo che esercitano, la lezione che recitano. Ma la curiosità verso la conoscenza, e il senso critico che sviluppano. Ognuno ha il suo percorso, la sua storia. Da quella storia dobbiamo partire per insegnargli chi sono. Non possiamo far finta di niente…

Fonte: Penny| Corri e salvati.
Leggi l’articolo completo su: Penny| Corri e salvati.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web