Caro Babbo Natale, scusa il disturbo sono solo un’ora di scuola asincrona. Lo so, suona male


.


Caro Babbo Natale, scusa se ti disturbo, in questo periodo riceverai un sacco di posta. Del resto è un periodo in cui scriversi va molto, sarà che siamo tutti chiusi in casa. I medici scrivono lettere aperte al governo, la ministra scrive agli studenti, il premier risponde ai bambini preoccupati…


Fonte: Scuola – Il Fatto Quotidiano
Leggi l’articolo completo su: Scuola – Il Fatto Quotidiano

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web