Il prof non vedente: “Insegno da 25 anni ai ragazzi senza vederli. Eppure con me non si copia”


.

Il primo a chiedergli “ma lei come pensa di fare?” è stato il commissario che lo ha esaminato e promosso dandogli l’abilitazione all’insegnamento. Perché per affrontare tre classi di quindicenni e due di diciottenni e cercare di appassionarli alla Letteratura e al Latino ci vuole già un certo coraggio e un certo piglio…

Fonte: Corriere.it
Leggi l’articolo completo su: Corriere.it

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web